Tejay van Garderen costretto ad abbandonare il Tour per la frattura ad una mano pubblicato il 13/07/2019



7a tappa  Ven 12 Luglio  BELFORT - CHALON-SUR-SAÔNE  tappa in linea pianeggiante 230 Km


 
 

Tejay van Garderen costretto ad abbandonare il Tour per la frattura ad una mano

 


L'americano Tejay van Garderen è stato costretto a ritirarsi dal Tour de France dopo essersi rotto la mano in un incidente nella settima tappa.

 
L'incidente è avvenuto appena fuori dalla città di partenza di Belfort, al settimo chilometro della tappa più lunga del Tour. Van Garderen ha colpito uno spartitraffico facendolo cadere pesantemente sulla mano, sul viso e davanti al suo corpo. Anche Mike Teunissen del Team Jumbo-Visma è caduto nello stesso incidente.

 
"La caduta è stata causata da un errore personale", ha detto van Garderen. "Stavo guardando la mia bici perché ho visto qualcosa incastrata, come un pezzo di carta, quindi guardavo in basso ed ho colpito senza accorgermene quell'ostacolo in mezzo alla strada. Non ho nessuno da incolpare se non me stesso, e spero davvero che nessun altro si sia fatto male a causa mia. "

 
I compagni di squadra EF Education First Pro di Van Garderen lo hanno raggiunto e, dopo un inziale controllo con il medico di corsa, Tejay è risalito in bicicletta ed ha pedalto il resto dei 223 chilometri fino a Chalon-sur-Saône, perdendo il contatto con il gruppo principale solo negli ultimi cinque chilometri.

 
Sucessivamente Van Garderen ha ricevuto una visita medica all'arrivo dal medico di squadra, Kevin Sprouse ed anche dal medico del Tour de France. I due nedici hanno richiesto una radiografia per
van Garderen
, che è stata eseguita dal radiologo della corsa. La radiografia ha confermato che van Garderen aveva la mano fratturata.

 
"Subito dopo la caduta, Tejay ha fatto disinfettare e fasciare le sue ferite", ha detto Sprouse. "Siamo quindi andati a fare una radiografia. Oltre alle abrasioni multiple, è stata riscontrata una frattura alla base del suo primo metacarpo nella mano sinistra. È stato steccato alla mano sinistra e non sarà quindi alla partenza dell'8a tappa domani. "

 
"Non vogliamo mai vedere un corridore lasciare il Tour in questo modo", ha detto il CEO di EF Education First Pro Cycling, Jonathan Vaughters. "C'è molto lavoro dietro alla preparazione di questa corsa, non possiamo fare meglio di quanto facciano già questi corridori. Dopo aver parlato con Tejay, il nostro dottore ed i direttori di corsa questa sera, non ci preoccupiamo solo che Tejay continuando il Tour, possa riportare danni permanenti all'osso fratturato, ma siamo anche preoccupati per la sicurezza degli altri corridori perchè il totale utilizzo della tua mano è importante quando corri al fianco di 180 corridori ".


 
"Ci mancherà non averlo nel team", ha aggiunto Vaughters. "Ha mostrato grande forma fino a qui. Gli auguriamo una pronta guarigione e speriamo che torni presto a correre. "

 
Van Garderen mancherà molto
nelle prossime due settimane al Team EF Education First Pro Cycling, in quanto la corsa affronterà i Pirenei e le Alpi; non solo come uno dei corridori di supporto di Rigoberto Uran, ma come un compagno di squadra incredibilmente apprezzato.


"Tutto ciò a cui sto pensando ora è la delusione, meno per me stesso e più per la squadra", ha detto van Garderen. "Rigo e Woods, entrambi hanno una grande possibilità di salire sul podio, vincere le tappe, anche per vincere il Tour. Avrei voluto far parte e contribuire a questa impresa, ma purtroppo, come tutti i ciclisti sono abituati a dire, queste cose accadono ".




 ;

#EUROTRACK20, LA GRAN BRETAGNA CHIUDE IN CIMA AL MEDAGLIERE DAVANTI A [...] BIANCHI E ROGLIC RICONQUISTANO LA VUELTA #EUROCROSS20, I PAESI BASSI DOMINANO IN CASA Team Sunweb and Lorena Wiebes power to opening stage victory at [...]