La Granfondo Michele Scarponi sostiene il ciclismo giovanile pubblicato il 25/09/2022
 
La Granfondo Michele Scarponi sostiene il ciclismo giovanile
Chi domenica 2 ottobre prenderà parte a Filottrano (An) alla quarta edizione della granfondo sosterrà la Scuola di ciclismo Michele Scarponi, dedicata ai bambini. Fino al 30 settembre iscrizioni a 50 euro.
25 settembre 2022, Filottrano (An) - La Granfondo Michele Scarponi-Strade Imbrecciate, giunta alla sua quarta edizione, nasce per ricordare Michele Scarponi, l'Aquila di Filottrano.

L'evento, patrocinato dalla Fondazione Michele Scarponi Onlus, che si impegna ogni giorno per la sicurezza stradale e la mobilità sostenibile, ha come scopo principale quello di sostenere la Scuola di Ciclismo Michele Scarponi, dedicata ai bambini e ai ragazzi dai 6 ai 16 anni.

Inaugurata ad aprile 2022, l'attività giovanile del Gruppo Ciclistico Michele Scarponi si svolge presso il Bike Park Verdeazzurro di San Faustino di Cingoli. I giovani ciclisti, seguiti da tecnici federali, vengono educati al ciclismo sportivo, alla guida sicura della bicicletta, ad essere un gruppo e al rispetto dell'ambiente che li circonda.

Parte integrante del percorso di crescita dei ragazzi è l'insegnamento dell'educazione stradale e della mobilità sostenibile, promossa in collaborazione con la Fondazione Michele Scarponi Onlus.

Domenica 2 ottobre a Filottrano (An) chi pedalerà alla Granfondo Michele Scarponi sosterrà quindi la sicurezza stradale, la mobilità sostenibile e il ciclismo giovanile.

Tre i percorsi in programma: il lungo di 135 chilometri, il medio di 90 chilometri e un corto non competitivo di 70 chilometri.

Si ricorda che fino al 30 settembre sarà possibile iscriversi versando la quota di 50 euro (clicca qui).

Tutti i dettagli sulla manifestazione sono reperibili nel sito internet ufficiale. Si ricorda anche la pagina Facebook dell'evento. Per avere informazioni, invece, si potrà scrivere a granfondomichelescarponi@gmail.com.


 



 ;

TIRRENO-ADRIATICO: RITORNA L'ARRIVO IN SALITA I ciclisti italiani piangono Davide Rebellin Philippe Gilbert conquista Monaco Giro Italia Ciclocross, tutte rosa le montagne di Ovindoli