Giro d'Italia 2015

Sabato 9 maggio / Domenica 31 maggio 2015

Il 98° Giro d'Italia, tutte le tappe Ventuno frazioni dal 9 al 31 maggio per un totale di 3.486 km. Si parte da Sanremo, si arriva a Milano.   GIRO D'ITALIA 2015: UN PERCORSO EQUILIBRATO E MODERNO Presentata l’edizione 98 con 1 cronosquadre, 1 cronometro individuale, 5 tappe di alta montagna, 7 tappe pianeggianti e 7 di media montagna. Partenza dalla Riviera dei Fiori e conclusione a Milano dove, a maggio, inizierà ufficialmente l’Expo 2015. Il Giro d’Italia ricorderà Alfredo Martini. L’omaggio del Giro a Evans. Sulle strade della Corsa Rosa anche una gran fondo per amatori. Il saluto del Presidente dell’UCI, Cookson. Milano, 6 ottobre 2014. E’ stata presentata oggi a Milano l’edizione numero [...]

Continua »
Tappa/Stage 14

Contador riprende il Giro e Aru torna secondo - Kiryenka Re della Crono 14a tappa TREVISO/VALDOBBIADENE km 59,4
Download:   altimetria  -  planimetria  -  tabella orari  -  classifica  
data: 23/05/2015 - partenza: Treviso - arrivo: Valdobbiadene - lunghezza: 59,4 km - dislivello: pianeggiante con 2 salite m

VASIL KIRYENKA all'arrivo della cronometro di Valdobbiadene
Vasil Kiryenka il vincitore all'arrivo della cronometro © Photo Andrea Magnani/Bikenews.it

Contador riprende il Giro in mano e Aru torna secondo - Kiryenka Re della Crono
Vasil Kiryenka ha vinto la cronometro di Valdobbiadene -  Alberto Contador ammazza in Giro con una prova da manuale (3° a 14") e riprende la rosa da Aru  (29° a 2'46") che torna secondo - Richie Porte  getta la spugna (55° a 4'20"). Anche Uran sotto le aspettative (23° a 2'45").
 
Alberto Contador sul palco di Valdobbiadene torna in maglia rosa
Alberto Contador sul palco di Valdobbiadene torna in maglia rosa © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it


Altimetria 14a tappa


Tappa n. 14 – TREVISO - VALDOBBIADENE (Cronometro Individuale) 59,4 km
Percorso
Tappa a cronometro molto lunga e molto impegnativa sullo sfondo dei vigneti del Prosecco. La tappa lunga 59,4km è divisa nettamente a metà. Primi 30km da Treviso a Conegliano pianeggianti su strade larghe, rettilinee con qualche rotatoria a interromperle. Successivi 29,4km impegnativi, con una salita di circa 3km (GPM) al 7% poco dopo Conegliano e continui saliscendi e serpeggiamenti tra le colline su strade mediamente ristrette dal fondo in ottimo stato.

Ultimi km
Ultimi 3km in discesa fino ai 400m dall’arrivo. Ai 750m curva impegnativa a sinistra seguita ai 500m (ancora in discesa) da una curva a destra che con la successiva ai 400m immette nel rettilineo finale di 400m al 5.5%, su asfalto di larghezza 6m.

 


Vasil Kiryenka sul podio della 14a tappa da vincitore della cronometro Treviso/Valdobbiadene, stappa il prosecco italiano
Vasil Kiryenka sul podio della 14a tappa da vincitore della cronometro Treviso/Valdobbiadene, stappa il prosecco italiano ©PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
 
 

ALBERTO CONTADOR RICONQUISTA LA MAGLIA ROSA CON AUTOREVOLEZZA
TERZO NELLA CRONO A 14" DAL VINCITORE KIRYIENKA METTE LA SUA IMPRONTA SUL GIRO

 
Valdobbiadene, 23 maggio 2015 - Alberto Contador (Tinkoff Saxo), grazie al terzo posto nella cronometro odierna dietro Vasil Kiryienka (Team Sky) e Luis Leon Sanchez (Astana Pro Team), ha riconquistato la leadership nella classifica generale del Giro d'Italia 2015, indossando di autorità la Maglia Rosa.

Fabio Aru (Astana Pro Team), giunto con il ventinovesimo tempo al traguardo a 3'01" dal vincitore, è ora secondo in classifica generale a 2'28" da Contador, con Andrey Amador (Movistar Team) al terzo posto a 3'36". Rigoberto Urán è giunto al traguardo in 23esima posizione ed ora si trova quarto in classifica generale a 4'04" dalla vetta.

Restano invariate le altre maglie: Elia Viviani (Team Sky), Maglia Rossa di leader della classifica a punti, Beñat Intxausti (Movistar Team) Maglia Azzurra di miglior scalatore e Fabio Aru Maglia Bianca di miglior giovane.


CONFERENZA STAMPA
Vasil Kiryienka (Team Sky), Vincitore di Tappa
D: Di solito i compagni di squadra di uno dei principali contendenti alla vittoria finale non corrono al 100%. Avevate già deciso questa mattina che Richie non era più da classifica?
R: No, abbiamo deciso di vincere la crono di oggi come ha chiesto Dave Brailsford stamattina. Il Giro di Richie è andato come è andato e, come dici tu, io sono un importante compagno di squadra che ha fatto il suo lavoro per la squadra. Sono soddisfatto del risultato e credo che anche la squadra lo sia. Hanno aspettato un successo come questo per alcuni anni. Leopold König è andato forte oggi ed è ancora ben posizionato in classifica generale. Mi è stato dato il via libera oggi, avevo una chance e Dave Brailsford ha detto che non dovevo perderla. Sono sempre a disposizione del mio team e lo sarò anche domani.

D: Che tipo di corridore sei? Hai vinto ogni tipo di tappa... Potresti essere un buon capitano?
R: Non ho mai vinto una volata [ride]. Oggi è una vittoria speciale per me perché non sono stato in grado di vincere una cronometro negli ultimi anni. In quanto ai gradi di capitano, è difficile essere un leader perché, a mio avviso, si è sotto pressione tutti i giorni. È qualcosa di speciale. Non so se vorrei quel tipo di ruolo: forse per una gara di una settimana, ma in una gara come questa non mi ci vedo.

D: Questo è la tua terza vittoria di tappa al Giro d'Italia. Ognuna di queste vittorie ha per te un significato diverso?
R: Non so, sono state tutte esperienza differenti. Lei altre due venivano da attacchi a lunga distanza. La cosa in comune alle tre è che ho sofferto in tutte molto.

 
Alberto Contador (Tinkoff Saxo), Maglia Rosa
D: Come ti sei preparato per questa crono?
R: Sono venuto a guardare il percorso dopo la Vuelta a Catalunya con Ivan Basso. Abbiamo colto l'occasione per provarlo in bicicletta e poi riprovarlo in auto. Avrei voluto ritornare ieri ma a causa della caduta non ho potuto. Non riuscivo nemmeno a fare defaticamento. Questa mattina ho fatto alcuni rulli per vedere come stava il ginocchio e poi sono andato a guardare il percorso in auto e ho registrato un video commentandolo. Dopo la ricognizione ho guardato il video perché è importante per me memorizzare i dettagli. Poi mi sono scaldato e sono partito.

D: Da ora in poi correrai in stile Miguel Indurain lasciando la vittoria nelle tappe di montagna?
A: Vedremo. Nei prossimi giorni possono succedere ancora molte cose. Loro (Astana) hanno una squadra forte e non sarà facile contenerli. Anche se, spesso, la migliore forma di difesa è l'attacco.

D: Visto come si è messa al Giro d'Italia, stai già pensando al Tour de France? Ti risparmierai un minimo?
A: No, sarebbe un errore. Per capirci ieri è un buon esempio: sono caduto a 3,2km dal traguardo. Non ho perso troppo tempo perché mi sono alzato e un mio compagno mi ha dato subito la bici. La stessa cosa potrebbe accadere domani, quindi dovrò affrontare la corsa giorno per giorno, solo poi inizierò a pensare al Tour de France.
 
D: È possibile che Aru sia ancora un rivale?
A: Assolutamente sì. Fabio non ha avuto una buona giornata oggi ma che potrebbe averne una ottima domani a Madonna di Campiglio. Non so se tornerò il prossimo anno al Giro d'Italia e quindi voglio sfruttare al massimo tutte le occasioni.

 


LA TAPPA DI DOMANI – I CINQUE SENSI
Tappa n. 15 – MAROSTICA - MADONNA DI CAMPIGLIO – 165km
 
PHOTO CREDIT: ANSA / DAL ZENNARO - ZENNARO - PERI
VIDEO CREDIT: ANSA / MENTUCCIA
Alberto Contador vola nella cronometro di Valdobbiadene, 3° solo dietro a Kiryenka e Luis Sanchez  © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Alberto Contador vola nella cronometro di Valdobbiadene, 3° solo dietro a Kiryenka e Luis Sanchez  © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
 

ALBERTO CONTADOR RITORNA IN MAGLIA ROSA DOPO LA CRONOMETRO
VASIL KIRYIENKA VINCE LA TAPPA

 
Valdobbiadene, 23 maggio 2015 - Il corridore bielorusso Vasil Kiryienka (TEAM SKY) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro d'Italia, cronometro individuale da Treviso a Valdobbiadene (59,4km). Alberto Contador (TINKOFF SAXO), terzo al traguardo, è la nuova Maglia Rosa di leader della classifica generale. Seguiranno le interviste della conferenza stampa.

RISULTATO FINALE
1 - Vasil Kiryienka (TEAM SKY) in 1h17’52”, media 45,770 km/h
2 - Luis Leon Sanchez (ASTANA PRO TEAM) a 12"
3 - Alberto Contador (TINKOFF SAXO) a 14"

MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY)
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Beñat Intxausti (MOVISTAR TEAM)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)

CLASSIFICA GENERALE (PRIMI CINQUE)
1 - Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
2 - Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM) a 2’28”
3 - Andrey Amador (MOVISTAR TEAM) a 3’36”
4 - Rigoberto Urán (ETIXX - QUICK STEP) a 4’14”
5 - Jurgen Van den Broeck (LOTTO SOUDAL) a 4’17”

 
Il vincitore di tappa, Vasil Kiryienka, ha detto:
È stata un’attesa lunga e snervante quella per l'arrivo di Alberto Contador. Mi è arrivato vicino ma ho avuto una buona giornata ed un po’ di fortuna. Sapevo avrei perso sulle salite ma l’avevo messo in conto. Era grigio e umido ma io ho avuto una bellissima giornata. Aspettavo da tempo di vincere una cronometro. Oggi il nostro boss ha detto: “Vinciamo la cronometro”, ma non ha specificato chi avrebbe vinto. Non abbiamo avuto un Giro fortunato: abbiamo però avuto alcuni buoni risultati e torneremo in lotta per la vittoria nei prossimi Gran Tour.

La Maglia Rosa, Alberto Contador, ha detto:
Questo risultato mi sorprende molto. Ho dato tutto e mantenuto un buon ritmo durante tutto il percorso. Ero più veloce del previsto nella prima parte ma ho visto che le bandierine stavano cambiando direzione, il motivo era forse questo. Ho superato Landa a metà percorso. Ora ho un buon vantaggio in classifica generale su Aru, in particolare dopo la caduta di ieri, ma devo mantenere la calma. Il Giro è ancora lungo. Oggi abbiamo avuto una buona giornata, ora proseguiremo giorno dopo giorno.


LA TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 15 – MAROSTICA - MADONNA DI CAMPIGLIO – 165km
Percorso
Tappa di alta montagna con arrivo in salita. Si risale inizialmente la Valdastico fino al GPM di La Fricca per poi affrontare la lunga discesa fino a Trento dove si superano i primi chilometri della salita del Monte Bondone che si lascia in direzione di Sarche, Terme di Comano e Tione di Trento. A 40km dall’arrivo la salita molto impegnativa di Passo Daone con una pendenza media sopra il 9% e punte fino al 14% nella parte centrale. Discesa impegnativa, su strada di montagna (carreggiata ristretta) con alcuni tornanti e pendenze mediamente elevate fino a Spiazzo. Si riprende quindi a risalire dapprima in falsopiano fino a Pinzolo e poi al 6% medio fino in prossimità degli ultimi 3km dopo aver attraversato l’abitato di Madonna di Campiglio.

Ultimi km
Salita finale a partire da Carisolo di 15,5km con pendenze molto costanti sempre attorno al 6,5% fino a Madonna di Campiglio dove si attraversa l’abitato (breve tratto in pavé) e in uscita si incontrano le pendenze massime (12%). Ultimi 2km ancora attorno al 7% su strada ben pavimentata, asfaltata e all’arrivo di larghezza 5,5m.
 
PHOTO CREDIT: ANSA / DAL ZENNARO - ZENNARO - PERI

Il Pistolero Alberto Contador è tornato padrone del Giro 2015 © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Il Pistolero Alberto Contador è tornato padrone del Giro 2015 © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
 
OPQS
Giro d'Italia Stage 14: Uran Moves Up to 4th Overall in the ITT

23-May-2015: Etixx - Quick-Step rider Rigoberto Uran moved up from 6th to 4th in the overall classification after the 59.4km Stage 14 ITT of the Giro d'Italia, from Treviso to Valdobbiadene, on Saturday. Uran finished 23rd in the stage, 2'45" down on stage winner Vasil Kiryienka (Team Sky). Kiryienka crossed the finish line with a time of 1:17:52 (45.771km/h). Uran's time of 1:20:37 was at an average speed of 44.207 kilometers per hour.

Luis Leon Sanchez (Astana) finished 2nd, 12" down, and Alberto Contador (Tinkoff-Saxo) put himself back into the maglia rosa by placing 3rd, 14" down on Kiryienka. 

As a result of the ITT performances, Fabio Aru is now 2nd in the overall classification by 2'28", Andrey Amador (Movistar) is 3rd by 3'36", and Uran is 4th, +4'14" to Contador in the pink jersey. 

Etixx - Quick-Step looks next to the 165km high mountain stage on Sunday, from Marostica to a Category 1 summit finish on Madonna di Campiglio. There are three climbs of high category, including Category 1 Passo Deone with a summit at the 134km mark of the stage. 

Rigoberto Uran"Today wasn't a good day for me," Uran said. "I was expecting a lot from this day, and I hoped to do well, but I couldn't find a good rhythm and speed in the first part. I wasn't in the best condition. The crash of a few days ago affected me a bit on the bike. I had immediate pain in my gluteal, shoulder, and back muscle on the left side and I couldn't quite push full gas the way I would have liked. The time trial position is a lot different from the road and I struggled to find a good position due to my pain from the crash. It was also windy in the first part, and rain along the parcours, which further affected my ability to find a good rhythm. But, it is what it is. In any case I am confident about the last week. There is a week of difficult high mountain stages. I will try of course to keep fighting to stay there with the best of the GC. I will keep going until the end of the Giro d'Italia. I like to fight and I know in a race like the Giro things can change in a moment. I will do my best in the last days of the Giro."

"Oggi non è stata una buona giornata per me", ha detto Uran. "Mi aspettavo molto da questo giorno, e speravo di fare bene, ma non sono riuscito a trovare un buon ritmo e la velocità nella prima parte. Non ero nelle migliori condizioni. La caduta di qualche giorno fa ha influenzato la mia cronometro. Ho avuto dolore immediato al mio gluteo, spalla, e muscolo posteriore sul lato sinistro e non riuscivo a spingere a pieno gas nel modo in cui avrei voluto. La posizione a cronometro è molto diversa da quella da strada e ho faticato a trovare una buona posizione a causa del mio dolore dal giorno della caduta. C'e' stato anche vento nella prima parte, e la pioggia lungo il tracciato, che ha ulteriormente danneggiato la mia capacità di trovare un buon ritmo. Ma è quello che è. In ogni caso sono fiducioso per l'ultima settimana. C'è una settimana di tappe di alta montagna difficili. Cercherò naturalmente di continuare a lottare per stare lì con il meglio della classifica generale. Andrò avanti fino alla fine del Giro d'Italia. Mi piace combattere e so come in una corsa le cose possono cambiare il Giro in un attimo. Farò del mio meglio negli ultimi giorni del Giro. "

 

98° GIRO D’ITALIA: BUONGIORNO DA TREVISO
Cronometro Individuale di 59,4km da Treviso a Valdobbiadene. Una delle tappe più attese.


 
Treviso, 23 maggio 2015 - Buongiorno dalla quattordicesima tappa del 98° Giro d'Italia, cronometro individuale di 59,4 km da Treviso a Valdobbiadene, tappa fondamentale per la lotta nella classifica generale.

Ricognizione di percorso: 10.30 - 11.30 

Rilevamento cronometrico: 
km 17,6 - Ponte della Priula
km 35,1 - San Pietro di Faletto 
km 49,5 - Col San Martino.

Partenza primo corridore (Marco Coledan): 12.00
Partenza ultimo corridore (Fabio Aru): 15.42
Arrivo ultimo corridore: ore 17.15 circa.

MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Elia Viviani (TEAM SKY
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Beñat Intxausti (MOVISTAR TEAM)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM). Maglia oggi indossata dal secondo in classifica Davide Formolo (TEAM CANNONDALE - GARMIN)

METEO
Treviso (1200): pioggia, 14°C. Vento: moderato, NNW 12 - 14 km/h.
Treviso (1500): pioggia, 14°C. Vento: moderato, N 13 - 19 km/h.
Valdobbiadene (1300): pioggia, 13°C. Vento: debole, N 8 - 14.
Valdobbiadene (1700): pioggia, 13°C. Vento: moderato: NNE 12 - 18 km/h.

 

 
PERCORSO
Tappa a cronometro molto lunga e molto impegnativa sullo sfondo dei vigneti del Prosecco. La tappa lunga 59,4km è divisa nettamente a metà. Primi 30km da Treviso a Conegliano pianeggianti su strade larghe, rettilinee con qualche rotatoria a interromperle. Successivi 29,4km impegnativi, con una salita di circa 3km (GPM) al 7% poco dopo Conegliano e continui saliscendi e serpeggiamenti tra le colline su strade mediamente ristrette dal fondo in ottimo stato.

Ultimi km
Ultimi 3km in discesa fino ai 400m dall’arrivo. Ai 750m curva impegnativa a sinistra seguita ai 500m (ancora in discesa) da una curva a destra che con la successiva ai 400m immette nel rettilineo finale di 400m al 5.5%, su asfalto di larghezza 6m.

I CINQUE SENSI
Il Giro d’Italia vive oramai da oltre cent’anni e, giunto alla sua 98esima edizione, rappresenta l’incarnazione dell’italianità tutta attraversando i quattro angoli del Bel Paese. E in quanto incarnazione esso ha ormai acquisito tutti i cinque sensi dell’essere umano. Attraverso la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto ed il tatto del Giro d’Italia vogliamo darvi informazioni utili affinché possiate prendere spunto per raccontare l’Italia attraversata dalla Corsa Rosa, la corsa più dura del mondo nel paese più bello del mondo.

 
Gusto
Piatto tipico: Bigoli mori in salsa veneta
Si tratta di una pasta lunga, composta da farine miste, con orzo o ségale, molto ruvida per meglio trattenere sughi e condimenti. L'antica ricetta della salsa al burro cotto o al burro crudo mantecato conferisce ai bigoli piatto una straordinaria cremosità, che richiede una generosa grattugiata di parmigiano. Un piatto appetitoso e molto nutriente, da non mancare.
A cura della redazione di 
Oggi Cucino

Olfatto
Glera
Rustico e vigoroso al tempo stesso, fornito di acini dal colore giallo dorato. L’identikit è quello del Glera, vitigno principale nella produzione del Prosecco. La sua importanza è dimostrata dal fatto che il Prosecco di Conegliano Valdobbiadene ne è composto per almeno l’85%. Il resto, di norma, è colmato da altre varietà bianche come Bianchetta e Perera.
Prosecco sur lie
Dopo il vitigno ecco il vino. Il Prosecco ‘sur lie’, in Italia diremmo meno poeticamente col fondo, è la più antica forma di spumantizzazione di questa tipologia. Torbido, vero, e saporito. Proprio per questo suo carattere diretto, la versione ‘sur lie’ fa uscire il Prosecco dal clichè che lo vuole relegato a semplice vino da aperitivo.
A cura di Luca Gardini, 
Campione del Mondo Sommelier 2010

Udito
IL GIRO D’ITALIA È ANCHE… OPERA LIRICA
Treviso (km 0): il teatro principale di Treviso, il Teatro comunale "Mario Del Monaco”, deve il proprio nome a Mario Del Monaco (27 luglio 1915 – 16 ottobre 1982), tenore famoso per la sua voce poderosa che passò i suoi ultimi anni di vita a Lancenigo, vicino Treviso. C’è una statua del cantante d’opera nella centralissima Piazza della Borsa. Del Monaco si diplomò al Conservatorio Rossini di Pesaro, dove dapprima incontrò e poi cantò con Renata Tebaldi, con la quale formò la ‘coppia d’oro’ dell’opera degli anni cinquanta. Enrico Caruso cantò la sua prima Tosca a Treviso nel 1900, mentre Katia Ricciarelli cantò i suoi primi Trovatore Otello qui rispettivamente nel 1970 e nel 1971.
Vi consigliamo l’ascolto di: 
Del Monaco e Tebaldi che cantano il fantastico Finale de La Wally di Catalani.
A cura di Matt Rendell.

Vista
Tra la Marca Trevigiana e i colli del vino. A Treviso il centro della città più antico è piazza dei Signori, con il Palazzo dei Trecento. Per poi perdersi tra i cagnani (canali) e le chiuse che fanno di questa città quasi una Venezia minore. Belli a Conegliano gli affreschi esterni del Duomo e la Torre del borgo sul Colle di Giano. Verso Valdobbiadene, nella cui zona si può dormire in alcune tenute del celebre Prosecco, a Follina, incantevole e imponente l’Abbazia cistercense con i chiostri benedettini.
A cura della 
redazione di Dove.

Tatto
Da veri amanti della cultura contadina la britola, coltello ricurvo per potare la vita, spesso impreziosito da fregi, tipico della zona di Valdobbiadene.
A cura della 
redazione di Dove.

PHOTO CREDIT: ANSA / DAL ZENNARO - ZENNARO - PERI
VIDEO CREDIT: ANSA / MENTUCCIA

André Greipel Treviso, 23 maggio  -Giro finito per André Greipel e Greg Henderson . Entrambi gli atleti Lotto-Soudal non saranno al via  nella cronometro individuale di oggi. Il velocista tedesco è venuto al Giro per vincere una tappa, ottenuta nella sesta frazione a Castiglione della Pescaia grazie ad una squadra perfetta nell'organizzare lo sprint vincente.

André Greipel"Il giorno sucessivo alla cronometro a squadre ho avuto una prima occasione, ma sul finale in salita sono partito troppo presto e mi sono battuto. Martedì scorso c'è stata una nuova opportunità, ma i fuggitivi rimasti davanti e ieri il caos nel finale è stato così grande che non ho avuto la possibilità di fare una bella volata . Sono contento che abbiamo vinto una tappa, ma avevo sperato anche in un bis . "

" Le prossime tappe sono riservate ai corridori in lotta per la Classifica Generale. Considerando i prossimi obiettivi in programma, abbiamo deciso di abbandonare il Giro. E' stata una bella esperienza. Ora è il momento per il recupero. Il Tour de France è, naturalmente, il mio prossimo grande obiettivo. Per prepararlo probabilmente parteciperò allo ZLM Toer ed eventualmente al Tour de Luxembourg ".

A seguire i nostri video selezionati
  1. Video - Il "Giro Sauro" di Francesca Lugeri la geologa del Giro, in onda su Anteprima Giro Rai Sport 1 ogni giorno di tappa.
  2. Video - Una delle esilaranti Sit Com di Guido Foddis "BikiPedia" con CT Cassani ed i Prof. romagnoli (Malaguti, Montaguti, Marangoni, Belletti) Oggi è la volta de "Il Gruppetto" -  Divertentissimo, da non perdere!
  3. Video -  Presentazione 14a tappa Giro d'Italia Cronometro Individuale Treviso/Valdobbiadene
  4. Video -  Preparazione e Partenza cronometro 14a tappa del Giro Treviso/Valdobbiadene
  5. Video  - Contador e Aru al termine della crono individuale 14a tappa del Giro 2015 Treviso-Valdobbiadene
  6.  Video - La cronometro 14a tappa del Giro d'Italia 2015 Treviso-Valdobbiadene vinta da Vasil Kiryenka
  7.  Video  - Davide Formolo alla partenza da Imola della 12a tappa del GIro d'Italia
BIKIPEDIA IL VENTAGLIO

BIKIPEDIA: " IL GRUPPETTO "
BIKIPEDIA IL VENTAGLIO

Scarica le classifiche complete della tappa odierna del 98° Giro d'Italia


  60_7_tappa_dettagli_tecnici_altimetria_14.jpg   60_7_tappa_dettagli_tecnici_planimetria_14.jpg   60_7_197_Ordine_di_partenza_cronometro.pdf   60_7_TA14 - Classifica Generale.xls   60_7_TA14 - Ordine Arrivo.xls   60_7_TA14 - Classifica Generale.xls   60_7_TA14 - Classifica Giovani.xls   60_7_TA14 - Classifica GPM Generale.xls   60_7_TA14 - Classifica Punti Generale.xls
Video

 ;

 ;

 ;

 ;

 ;



Foto
Vasil Kiryenka il vincitore all'arrivo della cronometro © Photo Andrea Magnani/Bikenews.it
Alberto Contador vola nella cronometro di Valdobbiadene, 3° solo dietro a Kiryenka e Luis Sanchez © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Vasil Kiryenka sul podio della 14a tappa da vincitore della cronometro Treviso/Valdobbiadene, stappa il prosecco italiano ©PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Il Pistolero Alberto Contador è tornato padrone del Giro 2015 © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Fabio Aru sorridente in maglia bianca sul palco di Valdobbiadene © PhotoAndreaMagnani/Bikenews.it
Spanish Alberto Contador of Tinkoff Saxo Team on the way of the 14th stage of the 98th Giro dItalia, Tour of Italy, cycling race between Treviso and Valdobbiadene, 23 May 2015. ANSA/CLAUDIO PERI
Spanish Alberto Contador of Tinkoff Saxo Team on the way of the 14th stage of the 98th Giro dItalia, Tour of Italy, cycling race between Treviso and Valdobbiadene, 23 May 2015. ANSA/CLAUDIO PERI
Italian rider Fabio Aru of Astana Pro Team on the way of the 14th stage of the 98th Giro dItalia, Tour of Italy, cycling race between Treviso and Valdobbiadene, 23 May 2015. ANSA/CLAUDIO PERI
Belarusian Vasil Kiryienka of Team Sky celebrates on the podium of the 14th stage of the 98th Giro dItalia, Tour of Italy, cycling race between Treviso and Valdobbiadene, 23 May 2015. ANSA/CLAUDIO PERI
Spanish Alberto Contador of Tinkoff Saxo Team celebrates the pink jersey of overall leader on the podium of the 14th stage of the 98th Giro dItalia, Tour of Italy, cycling race between Treviso and Valdobbiadene, 23 May 2015. ANSA/CLAUDIO PERI
Rigoberto URAN in azione nella cronometro ©Tim-De-Waele.jpg


Articoli correlati

 Contador riprende il Giro e Aru torna secondo - Kiryenka Re della Crono 14a tappa TREVISO/VALDOBBIADENE km 59,4

« indietro