Pietro Sarai chiarisce perchè da l'addio alle corse con la SCOTT Racing Team pubblicato il 14/03/2020

SCOTT Racing Team 
Pietro Sarai - Dichiarazione 

 

Marzo 2020

Pietro Sarai chiarisce la sua posizione – SCOTT Racing Team

 

A seguito della mia comunicazione in molti si sono domandati il motivo per cui ho deciso di abbandonare il mondo della gare.  Oggi vi darò la mia versione.

A Gennaio, mi sono sottoposto alla consueta visita di idoneità sportiva agonistica.
Al termine della stessa, lo specialista in medicina dello sport mi ha fatto presente che il mio elettrocardiogramma, registrato durante il test provocativo da sforzo, presentava delle alterazioni. Ho dovuto rivalutare il test mediante Holter a 12 canali indossandolo durante una seduta di allenamento al fine di indirizzarmi all’ esame di terzo livello più appropriato.
Visto l’esito dell’Holter, a fine gennaio io mi sono sottoposto ad AngioTac coronarica che ha evidenziato un’anomalia congenita di un vaso coronarico (un tratto di una coronaria decorre all’interno del muscolo cardiaco e, durante lo sforzo, subisce una compressione che potrebbe indurre un ridotto apporto di sangue ad una parte del muscolo cardiaco con un conseguente danno )
A fronte di quanto rilevato, mi sono sottoposto successivamente ad una scintigrafia miocardica da sforzo che ha purtroppo evidenziato una sofferenza del muscolo cardiaco correlata all’intensità dello sforzo.
Poiché lo sforzo e l’intensità dello stesso può mettere in pericolo la salute del mio cuore a oggi non posso essere più il vostro Campione.

Ringrazio in modo particolare il medico sportivo Dottor Pagani, il mio team e tutti i tifosi che, a seguito della mia comunicazione, mi hanno letteralmente sommerso di messaggi positivi. Grazie ancora e #nevergiveup

 




 ;

RCS SPORT POSTICIPA LA DATA DEL GIRO D’ITALIA 2020 24a Gran Fondo Via del Sale: Nuova data 11 ottobre 2020 Anche noi [...] STOPCORONA, la comunità de L’Eroica pedala con il Maglificio [...] “RESTIAMO A CASA CON I PRO”: TREK ITALIA RISPONDE ALLA VOGLIA DI [...]