Il Diario di Carlo Calcagni - La Vita di un uomo sempre in salita pubblicato il 26/07/2015


Carlo Calcagni
Il Diario del Campione paralimpico di Guagnano 
" nessuno avrebbe la forza di vivere e affrontare una sola delle giornate di quest'uomo "



Carlo con i colleghi del GSPD alla parata della festa della Repubblica

 

Roma, 2 giungo 2016 - La Festa della Repubblica Italiana e la sua tradizionale parata lungo viale dei Fori Imperiali in Roma, ha visto oggi la sfilata anche del Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa con il Colonello Carlo Calcagni, vittima negli anni '90 in Bosnia dell’Uranio impoverito.  Questi speciali atleti pochi giorni fa negli States, hanno portato in alto i colori della bandiera italiana agli Invictus Games in Florida ad Orlando,  i giochi internazionali dedicati ai militari con disabilità permanenti per cause di servizio. 

Il Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa che rappresenta i valori militari quali l'onore, il rispetto reciproco ed il sacrificio nella fedeltà alla Patria, è rappresentato sui social con l’astag ‪#‎IoNonMiArrendo e oggi ha sfilato mostrando con fierezza le sei medaglie d’oro e quattro di bronzo conquistate, tre delle quali, forgiate del metallo più prezioso, sono di Carlo Calcagni che ne ha regalata una al Tenente Colonnello Gianfranco Paglia, già Medaglia d’Oro al Valor Militare.


Assoluzione dall'Antidoping
Guagnano (LE), 2 giungo 2016 - E se di onore si parla quando si descrive il rigore dell'uomo Calcagni, non solo come Colonnello del Ruolo d'Onore, pilota istruttore di elicottero dell'Esercito Italiano, ma anche come atleta campione plurimedagliato di ciclismo, non si può non notare con soddisfazione, la notizia arrivata ieri da parte dell'autorità antidoping, (TNA - Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping) che ha assolto il tesserato FCI-CIP,  visto l’art. 40.1 delle Norme Sportive Antidoping.
 

Il Controllo, La sospensione e la riabilitazione nel 2015
Calcagni lo ricordiamo, era stato rilevato dai controlli effettuati durante i campionati italiani di Levico Terme del giungno 2015, un metabolita non ammesso dall'antidoping, contenuto in uno dei medicinali salva-vita che il Campione Italiano del triciclo paralimpico, assume per la sua salute e del quale aveva già l'autorizzazione TUE. 
Il mese sucessivo poi Calcagni, aveva ottenuto la revoca da parte del Tribunale Antidoping del Coni della sospensione all'attività agonistica ed ora è arrivata anche l'assoluzione.




Calcagni Oro agli Italiani 2015


 


 

Ci sono persone che per il nostro paese hanno dato la vita. Altri che l'hanno seriamente compromessa...Siamo orgogliosi delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi che in giro per il mondo hanno tenuto alto il nome dell'Italia. Dispiace non poterle raccontare le vostre storie, dispiace non poter far conoscere il vostro valore e il vostro coraggio, dispiace non poter mostrare il vostro orgoglio e la vostra dignità... Il giorno che cadranno queste inutili barriere, queste insensate censure, allora la politica e, in questo caso la Difesa, avranno fatto un passo importante verso la trasparenza e il riconoscimento di chi il tricolore l'ha portato sempre alto nel cielo..
In occasione delle celebrazioni del 2 giugno Ability Channel ti ripropone la storia di un personaggio il cui attaccamento alla patria e ai suoi valori va oltre ogni limite...Carlo Calcagni  >> LEGGI L'ARTICOLO SU ABILITY CHANNEL  <<

>> IL VIDEO DI ABILITY CHANNEL TV E' IN FONDO ALLA PAGINA <<




_____________________________________________________________________________

RITORNO A CASA  

Il sindaco di Guagnano consegna la targa a Carlo Calcagni

Lunedì 16 maggio 2015 -  Atterrato a Roma con la compagine azzurra degli atleti dell'Esercito Italiano in "missione" sportiva agli INVICTUS GAME 2016, Carlo Calcagni è stato l'atteso ospite nella capitale, presso la sede della Rivista Militare e presso lo Stato Maggiore della Difesa e dell'Esercito.
Il campione paralimpico è rientrato nella giornata di lunedì nella sua Puglia a Guagnano, dove è stato accolto sotto casa, dal comitato d'accoglienza, composto da amici e cittadini, ed in questa occasione gli è stata consegnata una targa dal Sindaco, l'Ingegner Fernando Leone.




Carlo Calcagni con il Ten. Colonnello paracadutista Stefano Massaro e Annarita Laurenzi



Carlo Calcagni in compagnia dell'amico Ten.Colonnello paracadutista Stefano Massaro 


Carlo Calcagni in compagnia del Generale Mora e del Generale Lusi

___________________________________________________

Diario Carlo Calcagni anno 2016


Gli Invictus Games 2016 ideati dal Principe Harry d'Inghilterra e patrocinato dal Pres.USA Barack Obama


3 ORI: IMPRESA per IL COLONNELLO CARLO CALCAGNI
 agli INVICTUS GAMES 


Orlando (Florida-USA), lunedì 8 maggio 2016  Grandi notizie da Orlando in Florida (USA), da Carlo Calcagni agli INVICTUS GAMES con la nazionale azzurra di atleti paralimpici dell'esercito Italiano:

 

"Per ora tre medaglie d'oro... ma sto andando alla finale del Rowing per fare poker! "

Ultim'ora: 4 gare paralimpiche agli INVICTUS GAMES di Orlando in Florida per

Carlo CALCAGNI in un solo giorno e dopo le prime tre medaglie d'oro, giunge ora la notizia del 4* successo!!

Ecco le parole del nostro azzurro:
"E anche la quarta è fatta... l'avevo promesso... e io... purtroppo per gli altri... sono uno che le promesse le mantiene!
🏅🇮🇹🏅🇮🇹🏅🇮🇹🏅



4 gare in poche ore e 4 vittorie per Carlo Calcagni ! (3 Ori, non quattro - uno per reclamo di una squadra nazionale che è stato accolto dalla giuria; ma visto il clima di fratellanza dei Gochi, i nostri azzurri d hanno ritenuto di non fare contro-ricorso, vista l'abbondanza del successo del proprio atleta !)
"Dopo aver vinto l'oro nel Rowing... endurance... ho vinto anche la prova di Rowing Sprint con un minuto... Ma durante la gara una delle due cinture si è aperta accidentalmente... E qualche nazione ha approfittato per fare un "protesto"... E  sebbene il giudice che era sulla mia postazione non ha ravvisato alcuna irregolarità... la "direzione degli Invictus" ha accettato il ricorso e mi ha escluso dalla classifica e tolto il 4* ORO! "


Incredibile ma vero !
Il Colonnello dell'Esercito Italiano, nonostante le sue invalidità, con volontà e immani sacrifici, può esprimersi a livelli mondiali ! Ed adesso, salute permettendo, PARALYMPIC GAMES RIO 2016 👍👍

Redazione BIKENEWS.IT
 

Dalla notte: INVICTUS GAMES Carlo Calcagni: É un Trionfo, 3 medaglie d'oro nel Ciclismo e nel Rowing!
 
«Ci siamo... ora manca davvero poco!
Gli allenamenti... i nuovi incontri... le parole di incoraggiamento e le strette di mano... la musica e la sfilata delle squadre delle Nazioni partecipanti.
Ora tocca a noi... anche a me... che in questi mesi ho tenuto duro... andando avanti "nonostante tutto"... stringendo i denti... sopportando quei tremendi dolori... che non puoi immaginare se non li vivi sulla tua pelle... la stanchezza... le delusioni... i colpi bassi... l'amarezza.
Ma quando tutto sembrava perduto... ho trovato la forza di ripartire.
Quando gli "amici" mi hanno voltato le spalle... ho incrociato sguardi attenti e premurosi.
Quando la malattia voleva prendere il sopravvento... le mie gambe... li mio cuore e soprattutto la mia forza mentale... hanno deciso che non sarebbero state al suo gioco.
Quando la solitudine amplificava il rumore del pianto... nel silenzio ho ritrovato la determinazione per ricominciare.
Ed ora sono qui ad Orlando... a un passo dal un sogno... correre per tutto quello che ho ricevuto e per tutto quello che mi è stato rubato... per la nostra Patria che ho deciso di servire secondo un'altra prospettiva... sotto altre vesti... per la mia famiglia che comprende e sostiene sempre e comunque le mie battaglie... per me... perché è proprio la mia passione che mi mantiene vivo e mi aiuta a contrastare la malattia e le fragilità... quelle fisiche e quelle mentali... perché le medaglie sono solo i simboli di traguardi carichi di significati...
e perché... comunque vada... io ci ho messo veramente l'anima!».
 
Carlo Calcagni
 


leggi l'articolo
Carlo Calcagni: ex colonnello, contaminato da uranio impoverito, ora ciclista agli Invictus Games



la formazione della nazionale dell'Esercito Italiano convocata agli Invictus Games 2016

 

Il diario di un'avventura











































Diario Carlo Calcagni anno 2015

Brindisi, 3 settembre  2015  - Buonasera a tutti, Vi invio questo bellissimo tramonto scattato questa sera al rientro dall'allenamento.


Ieri un carissimo amico, Francesco Nuzzaci, è stato investito da un'auto mentre percorreva in bici la strada che io stesso affronto sempre per i miei allenamenti quotidiani.

E' andata bene, per fortuna niente di rotto, il casco gli ha salvato la vita (vedi foto sotto)


___________________________________________________

Brindisi, 12 agosto  2015  - Ciao a tutti, continuo ad uscire ed ad allenarmi, anche se ancora non è chiaro quando potrò tornare a competere per guadagnarmi il diritto di essere fra i protagonisti della Nazionale italiana per una medaglia alle prossime Olimpiadi di Rio 2016.

Carlo Calcagni

Conosci il mio nome... ma non la mia storia.

Sai dove sto ora... ma non sai da dove vengo.

Hai sentito cosa ho fatto... ma non sai quello che ho passato e che vivo ogni giorno.

Mi vedi ridere... ma non sai quanto soffro.

Smetti di giudicarmi... perché sapere come mi chiamo non vuol dire conoscermi.

Se i miei dolori fossero visibili... questo è quello che potresti vedere.
 

___________________________________________________


Premio "Radici" Terre del Negroamaro 2015.

Guagnano (Le), 21 agosto  2015  -  Ha aperto lo spettacolo il violino straordinario di Alessandro Quarta, un artista figlio di questa terra e ormai famoso in tutto il mondo, è stato l’inizio di una serata di musica e cultura che l’amministrazione comunale di Guagnano, insieme al Gal Terra d’Arneo, ripete da 7 anni.

Tutto curato nei minimi dettagli dal sindaco Fernando Leone e dal suo staff, che, insieme alla raffinata professionalità di Viviana Carrone, responsabile della comunicazione dell’edizione 2015 del Premio, hanno accolto il gran pubblico con il proverbiale calore guagnanese, in una calda serata di fine estate per celebrare, tutti insieme, il valore delle produzioni vitivinicole locali trasformate in riconoscimento culturale per l’Italia e il mondo.


Particolarmente toccante la testimonianza del colonnello Calcagni, elicotterista impegnato in missioni all’estero per conto dell’esercito italiano, che come altri prima di lui è stato colpito da grave malattia a seguito dell’esposizione all’uranio impoverito, legittimato con il premio Radici del Negroamaro per il suo impegno e il suo sacrificio.


Poi è stata la volta di Sergio Brio, premiato nella sezione sport e indimenticato campione della Juventus degli anni ‘80, stopper granitico di una squadra imbattibile..
Il premio alla comunicazione è andato al giornalista Angelo Mellone, mentre una targa premio di incoraggiamento è andata al giovanissimo talento guagnanese Matteo Isaia Suffianò, favoloso pianista di appena 12 anni.

La cittadinanza onoraria è stata conferita invece all’imprenditore Claudio Quarta per aver investito e creduto in questa terra.

Il premio ambasciatore delle Terre del Negroamaro è andato a Piernicola Leone De Castris, titolare dell’omonima storica cantina vitivinicola di Salice. Il premio speciale del Gal Terra d’Arneo è stato riservato al maestro Beppe Vessicchio, direttore d’orchestra e critico musicale.

Al termine della serata, alla quale hanno preso parte esponenti della politica regionale e provinciale, c’è stato il concerto del cantautore Mario Venuti che fino a notte fonda ha coinvolto l’immenso pubblico che affollato il paese, perduto tra vicoli e angoli del gusto in una delle notti più affascinanti di Terra d’Otranto. (fonte 
leccenews24.it)

___________________________________________________


Brindisi, 12 agosto  2015  -  Hanno ufficializzato questo premio che mi verrà consegnato il 21 sera!
___________________________________________________


" Ormai è iniziato il conto alla rovescia per il ferragosto... Vi auguro di trascorrere un periodo tranquillo e sereno con le persone a cui volete bene.
E cercate di non perdere occasione per fare anche qualche buona azione! "

___________________________________________________

Brindisi, 11 agosto  2015  - Giornata tremenda..non si capisce quanta acqua abbia preso da sopra...da sotto...da tutte le parti... e sto congelando fermo sotto l'acqua... non riuscivo più a pedalare per il freddo...

___________________________________________________
Premio Terre del Negroamaro 2015 a Carlo Calcagni


Sono stato inviato dal Sindaco della mia città natale, Guagnano di Lecce per la consegna del premio le cui motivazioni sono sotto riportate

Carlo con la polo di BIKENEWS.IT

Brindisi, 7 agosto  2015  - Quarantasettenne Colonnello pilota istruttore di elicotteri del Ruolo d'Onore dell'esercito italiano, in servizio presso la scuola di cavalleria di Lecce, che impiegato in attività di soccorso ed evacuazione medico sanitaria nella missione internazionale di pace Joint Endeavour in Bosnia Erzegovina, pilotando elicotteri, a causa dei bombardamenti con uranio impoverito, ha contratto gravissime malattie invalidanti e una patologia autoimmune, degenerativa e irreversibile che lo costringe a terapie salvavita quotidiane.
Ciò nonostante affronta tutto con coraggio, dedicandosi ad aiutare tanti altri colleghi o familiari di colleghi deceduti e continua a praticare con grande passione il ciclismo paralimpico che lo aiuta a vivere. Ultimamente si è aggiudicato diverse medaglie d’oro sia vincendo i Campionati italiani, sia due prove di Coppa del Mondo che lo candidano di diritto alle prossime paraolimpiadi nel 2016 a Rio in Brasile.

___________________________________________________

Oggi terapia in ospedale, ma subito dopo in bicicletta sognando Rio

Carlo Calcagni
Carlo Calcagni dopo la lunga terapia è già in sella Con Riccardo Nunzio, fedele amico e compagno di uscite

Brindisi, 6 agosto  2015  - Sono stati tre gg particolari questi ultimi per Carlo Calcagni:
martedì un incidente in allenamento e conseguenze x una ciclista che ha cappottato dietro al campione paralympico, mentre evitava due sprovveduti che stavano attraversando incautamente la strada litoranea;
la giornata di ieri passata a casa in preda a dolori lancinanti e oggi erano in programma sei ore di terapia ospedaliera, poi il nostro gladiatore al ritorno, anche se esausto, ha inforcato il suo triciclo per spurgarsi dai potenti medicinali ed è uscito cosi all'inseguimento di quel sogno, Rio 2016, le Paralympiadi e l'oro che agli ultimi mondiali in Svizzera, hanno rubato al Colonnello di Guagnano e all'Italia sportiva, anche se come lui ama ricordarci, le medaglie quelle, sarebbero state due. 


Lo Sport è come una cura per questo campione unico, un esempio per tutti noi persone cosiddette normali

___________________________________________________

Brindisi, 3 agosto  2015   

___________________________________________________

RIFLESSIONI SULL'ESCLUSIONE DAI MONDIALI

Brindisi, 1 agosto  2015  -  " Hans Peter Durst dopo la cronometro ha vinto anche la gara in linea. Carlo Calcagni non ha potuto gareggiare. Basterebbero queste due frasi brevi e granitiche per decretare la fine di una gara che gara non è stata, per nessuno dei due. Carlo Calcagni NON ha potuto partecipare:

È noto a tutti il "perché", comprensibile o meno, condivisibile o no. Sul gradino più alto del podio lui non c'è. Fa male. Fa rabbia. Avrebbe preferito, nella peggiore delle ipotesi, partire ed arrivare secondo, ma il "non partecipare", perché escluso a tavolino, non è contemplato da chi nasce "guerriero", da chi lotta ogni giorno per vivere, sopravvivendo. È illuminante porre l'attenzione sul fatto che Carlo ha lottato per arrivare al 30 Luglio, data della prima gara per la sua categoria, ha lottato per avere la revoca della sospensione in tempi da record, per poi essere di nuovo fermato da giochi di potere.
Carlo Calcagni lotta ANCHE PRIMA di scendere in pista. Huns Peter Durts lotta SOLO in pista, e non lotta contro colui che lo ha battuto per ben due volte su due. Come si sentirà il vincitore? Sarà contento del titolo conseguito? Chi ha nel sangue lo spirito del vincitore e del lottatore, è felice solo se vince contro un nemico forte e accreditato. Un vero atleta è un lottatore. Ma Durst non ha vinto contro Calcagni. Ha in mano due medaglie mondiali, ma non ha in cuor suo la soddisfazione di aver battuto Calcagni, che mai potrà battere sul campo. Alla fine dei mondiali di paraciclismo a Notwill, Durst in primo piano e Calcagni in ombra.. Un vincitore ed un vinto.. Oppure due vincitori o due vinti?

Durst ha di fatto vinto. Calcagni avrebbe vinto. Durst ha perso perché non ha gareggiato contro l'avversario più forte. Calcagni ha perso perché su quel podio lui non c'è. Spesso è anche una questione di prospettive. Calcagni non sta meglio se sfoga la sua rabbia contro il vincitore, nonostante possa avere tante valide motivazioni oggettive per farlo. Ma lui non lo fa perché la correttezza lo porta ad accettare la realtà, per quanto sporca sia, a soffrire in privato, a continuare ad allenarsi e a promettere a se stesso e al mondo intero che sul primo gradino del podio, a Rio nel 2016, ci sarà LUI.
Lo sport è corpo, ma soprattutto mente, disciplina e valori. Carlo Calcagni è un atleta, ma è prima di tutto un Ufficiale ed un Uomo. Da atleta si allena ogni volta che può e l'unico avversario che teme è la malattia. Da Ufficiale pratica la disciplina ferrea. Da uomo ha dei valori che lo hanno sempre contraddistinto e che lo portano a non gettare fango su chi oggi porta a casa il trofeo. Consapevole che Durst sarà il VERO vincitore SOLO affrontando, gareggiando e vincendo contro di LUI.
Allora appuntamento a tutti alle prossime paraolimpiadi in Brasile nel 2016.

 

" Comunque devo ricordare più spesso che io sono prima di tutto "CARLO" e che devo volermi più bene. Sono la persona con cui vivo e Carlo Calcagniconvivo spartendomi le pene infinite della mia malattia... di quel mostro subdolo che mi ha rubato vigore... sogni... tranquillità. Il podio... le due ruote o le tre del triciclo... in questo caso... devono solo permettermi di scivolare velocemente sulle asperità del giorno e delle sue pene. Non devo farne una malattia! Io sono un "campione" non comune... e voglio farmi apprezzare anche per gli umani limiti."

____________________________________________________



   

Brindisi, 31 luglio ore 15:14 -  Carlo Calcagni al ritorno dal suo primo allenamento: " Cavolo ero proprio in Forma ": la Federciclismo ha fatto il possibile...ma nulla si può contro regole che, sebbene sbagliate, sono regole e come tali comunque da rispettare. Anche la Federciclismo e direi l'Italia intera, è stata derubata di due ori mondiali! "

____________________________________________________


Brindisi, 31 luglio ore 12:52 - 
 Carlo Calcagni è di nuovo in sella pronto per affrontare nuove sfide e ci invia la foto del suo ciclo-computer.
____________________________________________________


Zurigo, 30 luglio ore 22:34 - 
 Carlo Calcagni:  " Ora sono a Zurigo e sto rientrando in Italia "
____________________________________________________

L'incredibile "esclusione" di Carlo Calcagni dal Mondiale

Carlo CalcagniNottwil, Svizzera 29 luglio 2015 - Carlo Calcagni: " Hanno appena ufficializzato la mia esclusione dalla categoria di appartenenza:
E' così svanito in un istante il sogno di vincere questo Campionato del Mondo.
Mi fa rabbia che questo sia successo in modo assurdo ed incredibile: la stessa commissione di classificazione internazionale che... alla luce delle gravi infermità... ha confermato la categoria T2 triciclo in Coppa del Mondo...  e a meno di due mesi... su reclamo... mi ha riconvocato a visita e senza nemmeno guardare la documentazione clinica... mi ha escluso dalla categoria e automaticamente dalla partecipazione alle gare in programma: domani cronometro e sabato gara in linea.
Ringrazio tutti coloro che in questa sofferta avventura mi sono stati vicino... in particolare tutta la Nazionale di Ciclismo Paralimpico... gli atleti e atlete... i tecnici... i massaggiatori... i meccanici... il medico.. il cuoco... inoltre un ringraziamento al Presidente della Federciclismo Di Rocco... e al Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Pancalli... che da Roma hanno cercato di risolvere questa ingiustizia... impotenti contro un sistema che permette ad una commissione di giocare anche con la vita delle persone... senza dover dare conto dei loro errori... perché nessuno vigila o controlla il loro operato.

Leggete anche l'articolo sulla Gazzetta.it di Gian Luca Pasini: L’incredibile “esclusione” di Carlo Calcagni dai Mondiali
____________________________________________________

Carlo CalcagniNottwil, Svizzera 28 luglio 2015 - Carlo Calcagni: " Oggi non è una bella giornata con una notizia che non avrei mai potuto immaginare, giunta come un fulmine a ciel sereno. Inizialmente mi sono sentito solo, ma diamine, sono un Colonnello dell'Esercito Italiano: avvilimento, resa, queste due parole non appartengono al mio vocabolario e allora resisti Carlo e ruggisci come un leone. "

 

" Il mondo é di coloro che spesso abusano del potere conferito... e difficilmente tu puoi fare qualcosa!! Tenere la mia dignità è tutto quello che devo fare adesso e lo farò. "

 
Domani sulla Gazzetta dello Sport leggerete questa storia, la mia vicenda, la prossima puntata del mio diario, un'altra battaglia; questa volta purtroppo non disputata in sella al mio triciclo tricolore ma.....


a domani amici di BIKENEWS.IT


____________________________________________________

Coriano di Rimini, 27 luglio 2015 Domandiamo a Carlo:
" Per caso hai la corona ovalizzata? Un'altra curiosità: hai caricato tutto in aereo? Medicinali e ossigeno per le tue cure? "

Calcagni dalla Svizzera: 
" Si ho corone ovali; sono senza ossigeno perché in aereo non si può portare e all'estero non può provvedere l'ASL."

____________________________________________________


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "


" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "

" Si parte per l'allenamento e la prova del percorso mondiale "
 

Carlo Calcagni" I miei appuntamenti con le prove iridate sono: La Cronometro di giovedì 30 luglio alle 9.00 e la gara in linea in programma sabato 1 agosto alle ore 11:00 ...incrociate le dita per Carlo Calcagni "

____________________________________________________

Carlo CalcagniNottwil, Svizzera 26 luglio 2015 - Carlo Calcagni: " Arrivato in Svizzera " - 
"Rientrato ora da un giro...visto e provato percorso di gara... bello duro!!! "





Il triciclo volante è pronto!  Quello con cui ho fatto 4 gare...4 Vittorie!!

____________________________________________________

Briindisi, 26 luglio 2015 Carlo Calcagni: Già in aeroporto pronto per questa importante trasferta! "Carlo Calcagni
 

dal sito della Federciclismo riportiamo:


© Photo WebFederciclismo

24 Luglio 2015

MONDIALI PARACICLISMO: La Nazionale in partenza per le sfide iridate di Nottwil

Tra i convocati anche Carlo Calcagni, che ha visto accolto dal Tribunale Nazionale Antidoping il suo ricorso contro la sospensione.

 

GLI AZZURRI CONVOCATI

Pierpaolo Addesi - Team Go Fast

Fabio Anobile - Forestale Cicli Olympia Vittoria

Roberto Bargna - Briantea84

Emanuele Bersini - Polisportiva Disabili Valcamonica

Carlo Calcagni – Team Calcagni

Paolo Cecchetto - Team Equa

Gianluca Fantoni - Baby Team Iaccobike Sassuolo

Giorgio Farroni - Forestale Cicli Olympia Vittoria

Francesca Fenocchio - Sportabili Alba Onlus

Claudia Gentili – Team Giletti C.S

Fabrizio Macchi - A.S.D Giubileo Disabili

Giancarlo Masini - G.S. Fiamme Azzurre

Luca Mazzone - Circolo Canottieri Aniene

Annalisa Minetti – G.S Fiamme Oro

Jenny Narcisi – A.S.D. Team Matè

Ivano Pizzi– Forestale Cicli Olympia Vittoria

Luca Pizzi– Forestale Cicli Olympia Vittoria

Riccardo Panizza - Team Comobike

Michele Pittacolo - Alé Cipollini Galassia

Vittorio Podestà - Asd A Ruota Libera - Chiavari

Francesca Porcellato - G.C. Apre-Olmed

Andrea Pusateri – Fly Cycling Team

Claudia Schuler - G.S. Disabili Alto Adige

Andrea Tarlao - G.S. Fiamme Azzurre

Alessandro Zanardi - Circolo Canottieri Aniene

Fonte Web Federciclismo - A cura di Ufficio Comunicazione FCI – comunicazione@federciclismo.it


Revocata la sospensione a Calcagni - Ora il Campione paralimpico di Guagnano sarà a caccia di due medaglie ai mondiali in Svizzera, sognando la paralimpiade di Rio 2016

 

Carlo CalcagniRoma, 24 luglio 2015 - Vittoria di Carlo Calcagni che ha ottenuto a tempi da record, la revoca da parte del Tribunale Antidoping del Coni della sospensione all'attività agonistica.

Come ormai reso pubblico dal nostro giornale che per primo si è interessato alla vicenda di questo ex militare che dopo avere partecipato alla missione internazionale in Bosnia, ha contratto varie malattie invalidanti per l'avvelenamento da uranio impoverito, la sostanza rilevata all'atleta, in seguito ad un controllo effettuato ai recenti campionati italiani di Levico Terme, è contenuta in uno dei medicinali salva-vita che il neo Campione Italiano nel triciclo paralimpico, assume per la sua salute e del quale aveva già l'autorizzazione TUE.


Ora il Calcagni che era fino ad una settimana fa al ritiro premordiale, potrà essere presente per cercare di vincere due medaglie nelle prove in linea e cronometro ai mondiali che si terranno in Svizzera la prossima settimana, per poi entrare nella rosa della selezione azzurra per le Paralympiadi di Rio 2016.
 


 

 

 

 




 ;

Video

 ;

 ;



Foto
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
Foto dal Diario di Carlo Calcagni
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
INVICTUS GAMES 2016 I 3 ORI DI CARLO CALCAGNI
IL MASTER CROSS SELLE SMP APRE CON LA VITTORIA DI DORIGONI E LECHNER Theuns thanks Trek-Segafredo with victory in final race PRESIDENTIAL TOUR OF TURKEY: VORACIOUS BENNETT DEVOURS HIS FOURTH Ulissi, tappa e maglia in Turchia