Carlo Calcagni con i colleghi del GSPD alla parata della festa della Repubblica pubblicato il 02/06/2016


Carlo Calcagni
dal Diario del Campione paralimpico di Guagnano 
" nessuno avrebbe la forza di vivere e affrontare una sola delle giornate di quest'uomo "



Carlo Calcagni con i colleghi del GSPD alla parata della festa della Repubblica

 

Roma, 2 giungo 2016 - La Festa della Repubblica Italiana e la sua tradizionale parata lungo viale dei Fori Imperiali in Roma, ha visto oggi la sfilata anche del Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa con il Colonello Carlo Calcagni, vittima negli anni '90 in Bosnia dell’Uranio impoverito.  Questi speciali atleti pochi giorni fa negli States, hanno portato in alto i colori della bandiera italiana agli Invictus Games in Florida ad Orlando,  i giochi internazionali dedicati ai militari con disabilità permanenti per cause di servizio. 

Il Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa che rappresenta i valori militari quali l'onore, il rispetto reciproco ed il sacrificio nella fedeltà alla Patria, è rappresentato sui social con l’astag ‪#‎IoNonMiArrendo e oggi ha sfilato mostrando con fierezza le sei medaglie d’oro e quattro di bronzo conquistate, tre delle quali, forgiate del metallo più prezioso, sono di Carlo Calcagni che ne ha regalata una al Tenente Colonnello Gianfranco Paglia, già Medaglia d’Oro al Valor Militare.


Assoluzione dall'Antidoping
Guagnano (LE), 2 giungo 2016 - E se di onore si parla quando si descrive il rigore dell'uomo Calcagni, non solo come Colonnello del Ruolo d'Onore, pilota istruttore di elicottero dell'Esercito Italiano, ma anche come atleta campione plurimedagliato di ciclismo, non si può non notare con soddisfazione, la notizia arrivata ieri da parte dell'autorità antidoping, (TNA - Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping) che ha assolto il tesserato FCI-CIP,  visto l’art. 40.1 delle Norme Sportive Antidoping.
 

Il Controllo, La sospensione e la riabilitazione nel 2015
Calcagni lo ricordiamo, era stato rilevato dai controlli effettuati durante i campionati italiani di Levico Terme del giungno 2015, un metabolita non ammesso dall'antidoping, contenuto in uno dei medicinali salva-vita che il Campione Italiano del triciclo paralimpico, assume per la sua salute e del quale aveva già l'autorizzazione TUE. 
Il mese sucessivo poi Calcagni, aveva ottenuto la revoca da parte del Tribunale Antidoping del Coni della sospensione all'attività agonistica ed ora è arrivata anche l'assoluzione.




 

Ci sono persone che per il nostro paese hanno dato la vita. Altri che l'hanno seriamente compromessa...Siamo orgogliosi delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi che in giro per il mondo hanno tenuto alto il nome dell'Italia. Dispiace non poterle raccontare le vostre storie, dispiace non poter far conoscere il vostro valore e il vostro coraggio, dispiace non poter mostrare il vostro orgoglio e la vostra dignità... Il giorno che cadranno queste inutili barriere, queste insensate censure, allora la politica e, in questo caso la Difesa, avranno fatto un passo importante verso la trasparenza e il riconoscimento di chi il tricolore l'ha portato sempre alto nel cielo..
In occasione delle celebrazioni del 2 giugno Ability Channel ti ripropone la storia di un personaggio il cui attaccamento alla patria e ai suoi valori va oltre ogni limite...Carlo Calcagni 

 >> LEGGI L'ARTICOLO SU ABILITY CHANNEL  <<

Sette vaccini, trecento compresse, due ore di camera iperbarica, quattro ore di flebo, ventilatore polmonare… Questo è quello che la guerra può fare ad un uomo, questa è la giornata tipo del colonnello a ruolo d’onore Carlo Calcagni che sopravvive grazie alle medicine, ma vive grazie allo sport…

>> GUARDA IL VIDEO DI ABILITY CHANNEL TV E' IN FONDO ALLA PAGINA <<

 






Calcagni Oro agli Italiani 2015

 
leggi anche IL DIARIO DI CARLO CALCAGNI




Leggi
CARLO CALCAGNI E I SUOI 3 ORI CONQUISTATI AGLI INVICTUS GAMES 2016



 ;

Video

 ;

 ;

 ;

 ;

 ;



Foto
IL MASTER CROSS SELLE SMP APRE CON LA VITTORIA DI DORIGONI E LECHNER Theuns thanks Trek-Segafredo with victory in final race PRESIDENTIAL TOUR OF TURKEY: VORACIOUS BENNETT DEVOURS HIS FOURTH Ulissi, tappa e maglia in Turchia