Granfondo Internazionale Torino: una tre giorni valevole per gli European Master Games pubblicato il 13/04/2019
 
Granfondo Internazionale Torino:
una tre giorni valevole
per gli European Master Games

La manifestazione sarà composta da una cronometro, la Granfondo e un criterium

La Granfondo Internazionale Torino cambia collocazione in calendario e diventa prova degli European Master Games. Se negli anni passati la gara si svolgeva sempre nei primi giorni di settembre, in una giornata unica, quest’anno la manifestazione si fa in tre, con la possibilità di affrontare un criterium, una cronometro e la Granfondo.

Dal 26 luglio al 4 agosto, il capoluogo piemontese sarà la capitale della bicicletta, attraverso il Turin Cycling Festival. Le tre gare degli European Master Games saranno il fiore all’occhiello di una settimana di festeggiamenti sui pedali.

Il via alle gare verrà decretato il 26 luglio alle ore 18 con la cronometro, che si disputerà su un anello di poco superiore ai 6 km da ripetersi due volte. La partenza e l’arrivo saranno collocati all’interno del Parco del Valentino, nel cuore di Torino. Il 28 luglio si svolgerà la prova regina, la Granfondo: il percorso lungo di 130 km e quello corto di 100 km si snoderanno entrambi dal Parco del Valentino fino alla cima della Salita di Superga, ascesa mitica per tutti i ciclisti. 

La tre giorni si chiuderà il primo agosto con il criterium Parco del Valentino, che si snoderà su un percorso di 3,2 km. La prova si svolgerà per categoria, quindi partiranno prima gli Elite Master Sport alle ore 9 e chiuderanno le donne alle ore 18. Le gare si svolgeranno sulla distanza di trenta minuti più due giri.

Il comitato organizzatore offre la possibilità di iscriversi sia alle singole gare che fare un’iscrizione cumulativa. Tutte le informazioni sono su www.granfondotorino.it

 



 ;

Lotto Soudal: Caleb Ewan sprints to victory in Tour of Turkey! Cini e la Morri si impongono alla Granfondo Michele Scarponi Tempier non si ferma piĆ¹: il francese sbanca anche Nalles Philippe Gilbert writes history at Paris-Roubaix